Vini Italiani DOP (DOCG e DOC)

Elenco delle 406 DOP (Denominazione d’Origine Protetta) suddivise per DOCG (75 a Denominazione d’Origine Controllata e Garantita) e per DOC (331 a Denominazione d’Origine Controllata).

DOCG

VINI DOP (DOCG) DEL PIEMONTE

ALTA LANGA DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Province di Alessandria, Asti e Cuneo
Pinot nero e/o Chardonnay dal 90 al 100%; possono concorrere uve provenienti da vitigni non aromatici coltivati nella regione Piemonte fino ad un 10% max.

ASTI DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Province di Alessandria, Asti e Cuneo.
Moscato bianco 100%.

BARBARESCO DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Cuneo.
Nebbiolo 100%.

BARBERA D’ASTI DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Province di Asti e Alessandria.
Barbera, min. 90%; possono concorrere fino ad un 10% max altri vitigni a bacca nera coltivati nella regione Piemonte.

BARBERA DEL MONFERRATO SUPERIORE DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Province di Asti e Alessandria.
Barbera, min. 85%; Freisa, Grignolino e Dolcetto, da soli o congiuntamente max 15%.

BAROLO DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Cuneo.
Nebbiolo 100%.

BRACHETTO D’ACQUI / ACQUI DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Province di Asti e Alessandria.
Brachetto, min. 97%; restante 3% da vitigni coltivati nella regione Piemonte.

DOGLIANI DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Cuneo.
Dolcetto 100%.

DOLCETTO DI DIANO D’ALBA / DIANO D’ALBA DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Cuneo.
Dolcetto 100%.

DOLCETTO DI OVADA SUPERIORE / OVADA DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Alessandria.
Dolcetto 100%.

ERBALUCE DI CALUSO / CALUSO DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Province di Biella, Torino e Vercelli.
Erbaluce 100%.

GATTINARA DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Vercelli.
Nebbiolo (Spanna) dal 90 al 100%; Vespolina max 4% e/o Uva Rara (Bonarda Novarese).

GAVI / CORTESE DI GAVI DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Alessandria.
Cortese 100%.

GHEMME DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Novara.
Nebbiolo (Spanna), min. 85%; Vespolina ed Uva Rara (Bonarda Novarese) max 15%.

NIZZA DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Asti.
Barbera 100%.

ROERO DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Cuneo.
Roero: Nebbiolo, min 95%; possono concorrere fino al 5% max vitigni a bacca nera, non aromatici, coltivati nella regione Piemonte.
Roero Arneis (anche Riserva e Spumante): Arneis, min. 95%; possono concorrere fino al 5% max vitigni a bacca bianca, non aromatici, coltivati nella regione Piemonte.

RUCHÈ DI CASTAGNOLE MONFERRATO DOP (DOCG)
Regione Piemonte. Provincia di Asti.
Ruchè, min. 90%; Barbera e Brachetto, max 10%.

VINI DOP (DOCG) DELLA LOMBARDIA

FRANCIACORTA DOP (DOCG)
Regione Lombardia. Provincia di Brescia.
Franciacorta: Chardonnay e/o Pinot nero, min. 50%; Pinot bianco max 50%; Erbamat max 10%.
Franciacorta Rosé: Chardonnay max 65%; Pinot nero min. 35%; possono concorrere Pinot bianco max 50% e Erbamat max 10%.
Franciacorta Satèn: Chardonnay min. 50%; può concorrere Pinot bianco max 50%.

OLTREPÒ PAVESE METODO CLASSICO DOP (DOCG)
Regione Lombardia. Provincia di Pavia.
Oltrepò Pavese metodo classico e Oltrepò Pavese metodo classico rosé: Pinot nero, min. 70%; Chardonnay, Pinot grigio e Pinot bianco max 30%. Oltrepò Pavese metodo classico Pinot nero e Oltrepò Pavese metodo classico Pinot nero rosé: Pinot nero, min. 85%; Chardonnay, Pinot grigio e Pinot bianco max 15%.

SCANZO / MOSCATO DI SCANZO DOP (DOCG)
Regione Lombardia. Provincia di Bergamo.
Moscato di Scanzo 100%.

SFORZATO DI VALTELLINA / SFURSAT DI VALTELLINA DOP (DOCG)
Regione Lombardia. Provincia di Sondrio.
Nebbiolo, localmente denominato Chiavennasca, min. 90%; possono concorrere fino al 10% max vitigni a bacca nera coltivati nella regione Lombardia.

VALTELLINA SUPERIORE DOP (DOCG)
Regione Lombardia. Provincia di Sondrio.
Nebbiolo, localmente denominato Chiavennasca, min. 90%; possono concorrere fino al 10% max vitigni a bacca nera coltivati nella regione Lombardia.

VINI DOP (DOCG) DEL VENETO

AMARONE DELLA VALPOLICELLA DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Verona.
Corvina Veronese (Cruina o Corvina) dal 45% al 95%; Corvinone max 50%, Rondinella dal 5% al 30%; possono concorrere fino ad un 25% max uve a bacca nera da vitigni non aromatici coltivati nella provincia di Verona con un limite del 10% max per ogni singolo vitigno utilizzato.

BAGNOLI FRIULARO / FRIULARO DI BAGNOLI DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Padova.
Raboso Piave, min. 90%; possono concorrere fino ad un 10% max altri vitigni a bacca nera coltivati nella provincia di Padova.

BARDOLINO SUPERIORE DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Verona.
Corvina Veronese (Cruina o Corvina) dal 35% al 80%; Corvinone max 20%, Rondinella dal 10% al 40%; Molinara max 15%; possono concorrere fino ad un 20% max uve a bacca nera da vitigni non aromatici coltivati nella provincia di Verona con un limite del 10% max per ogni singolo vitigno utilizzato.

COLLI ASOLANI-PROSECCO / ASOLO PROSECCO DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Treviso.
Glera, min. 85%, possono concorrere fino ad un 15% max, da sole o congiuntamente, le uve dei vitigni Verdiso, Bianchetta trevigiana, Perera, Glera lunga.

COLLI DI CONEGLIANO DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Treviso.
Colli di Conegliano bianco: Manzoni bianco min. 30%; Pinot Bianco e/o Chardonnay min. 30%; possono concorrere Sauvignon e/o Riesling (Riesling renano) nel limite del 10% max.
Colli di Conegliano rosso: Cabernet franc, Cabernet Sauvignon, Marzemino e Merlot min. 10% per ciascuna varietà. Merlot max 40%; possono concorrere nel limite del 20% max le uve Incrocio Manzoni 2.15 e/o Refosco dal peduncolo rosso.
Colli di Conegliano Refrontolo: Marzemino, min. 95%; possono concorrere nel limite del 5% max le uve di vitigni a bacca rossa, non aromatici, coltivati nella provincia di Treviso.
Colli di Conegliano Torchiato di Fregona: Glera, min. 30%; Verdiso, min. 20%; Boschera, min. 25%; possono concorrere nel limite del 15% max le uve provenienti da vitigni a bacca bianca, non aromatici, coltivati nella provincia di Treviso.

COLLI EUGANEI FIOR D’ARANCIO / FIOR D’ARANCIO COLLI EUGANEI DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Padova.
Moscato giallo, min. 95%; possono concorrere fino ad un 5% max altri vitigni bianchi aromatici coltivati nella provincia di Padova.

CONEGLIANO VALDOBBIADENE-PROSECCO / CONEGLIANO-PROSECCO / VALDOBBIADENE-PROSECCO DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Treviso.
Glera, min 85%; possono concorrere fino ad un 15% max, Verdiso, Bianchetta trevigiana, Perera e Glera lunga.

LISON DOP (DOCG)
Interregionale. Regione Veneto province di Venezia e Treviso; Regione Friuli Venezia Giulia provincia di Pordenone.
Tai, min. l’85%; possono concorrere uve di altri vitigni a bacca bianca, non aromatici, coltivati nelle province di Venezia, Treviso e Pordenone.

MONTELLO ROSSO / MONTELLO DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Treviso.
Cabernet Sauvignon dal 40 al 70%; Merlot e/o Cabernet Franc e/o Carmenère dal 30 al 60%; possono concorrere fino ad un 15% max le uve a bacca nera, non aromatici, coltivati nella provincia di Treviso.

PIAVE MALANOTTE / MALANOTTE DEL PIAVE DOP (DOCG)
Regione Veneto. Province di Treviso e Venezia.
Raboso Piave, min. 70%; Raboso Veronese max 30%; il Raboso Veronese può essere sostituito nella misura massima del 5% da altre varietà a bacca rossa coltivate nelle province di Venezia e Treviso.

RECIOTO DELLA VALPOLICELLA DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Verona.
Corvina Veronese (Cruina o Corvina) dal 45% al 95%; Corvinone max 50%, Rondinella dal 5% al 30%; possono concorrere fino ad un 25% max uve a bacca nera da vitigni non aromatici coltivati nella provincia di Verona con un limite del 10% max per ogni singolo vitigno utilizzato.

RECIOTO DI GAMBELLARA DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Vicenza.
Garganega 100%.

RECIOTO DI SOAVE DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Verona.
Garganega, min. 70%; per il rimanente 30% Trebbiano di Soave (nostrano), possono concorrere fino al 5% max vitigni a bacca bianca coltivati nella provincia di Verona.

SOAVE SUPERIORE DOP (DOCG)
Regione Veneto. Provincia di Verona.
Garganega minimo 70%; Trebbiano di Soave (nostrano) e Chardonnay massimo 30%; possono concorrere fino al 5% massimo uve a bacca bianca non aromatiche.

VINI DOP (DOCG) DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

COLLI ORIENTALI DEL FRIULI PICOLIT DOP (DOCG)
Regione Friuli Venezia Giulia. Provincia di Udine.
Picolit, min. 85%; possono concorrere fino ad un 15% max altri vitigni bianchi coltivati nella regione Friuli-Venezia-Giulia con esclusione del Traminer aromatico.

RAMANDOLO DOP (DOCG)
Regione Friuli Venezia Giulia. Provincia di Udine.
Verduzzo Friulano 100%

LISON DOP (DOCG)
Interregionale. Regione Veneto province di Venezia e Treviso; Regione Friuli Venezia Giulia provincia di Pordenone.
Tai, min. l’85%; possono concorrere uve di altri vitigni a bacca bianca, non aromatici, coltivati nelle province di Venezia, Treviso e Pordenone.

ROSAZZO DOP (DOCG)
Regione Friuli Venezia Giulia. Provincia di Udine.
Friulano, min. 50%; Sauvignon, dal 20% al 30%; Pinot bianco e/o Chardonnay, dal 20 al 30%; Ribolla Gialla max 10%; possono concorrere fino al 5% max vitigni a bacca bianca coltivati nella provincia di Udine.

VINI DOP (DOCG) DELL’EMILIA ROMAGNA

COLLI BOLOGNESI CLASSICO PIGNOLETTO DOP (DOCG)
Regione Emilia Romagna. Province di Bologna e Modena.
Pignoletto, min. 95%; possono concorrere uve da vitigni coltivati nella regione Emilia-Romagna fino ad un 5% max.

ROMAGNA ALBANA DOP (DOCG)
Regione Emilia Romagna. Province di Forlì-Cesena, Ravenna e Bologna.
Albana, min. 95%; possono concorrere fino al 5% max vitigni a bacca bianca coltivati nella regione Emilia Romagna.

VINI DOP (DOCG) DELLA TOSCANA

BRUNELLO DI MONTALCINO DOP (DOCG)
Regione Toscana. Provincia di Siena.
Sangiovese (denominato a Montalcino brunello) 100%.

CARMIGNANO DOP (DOCG)
Regione Toscana. Provincia di Prato.
Sangiovese, min. 50%; Canaiolo nero fino al 20%; Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon, da soli o congiuntamente, dal l0 al 20%; Trebbiano toscano, Canaiolo bianco e Malvasia del Chianti da soli o congiuntamente, fino ad un 10% max; possono concorrere fino ad un 10% max altri vitigni a bacca nera coltivati nella regione Toscana.

CHIANTI CLASSICO DOP (DOCG)
Regione Toscana. Province di Firenze e Siena.
Sangiovese dall’80% fino al 100%; possono concorrere uve da vitigni coltivati nella regione Toscana max 20% (Canaiolo Nero e Colorino, ma anche da vitigni internazionali come Merlot e Cabernet Sauvignon).

CHIANTI DOP (DOCG)
Regione Toscana. Province di Arezzo, Firenze, Pisa, Prato, Pistoia e Siena.
Sangiovese dal 70 a 100%; possono concorrere uve da vitigni coltivati nella regione Toscana; i vitigni a bacca bianca non possono, singolarmente o congiuntamente, superare il limite del 10% max; i vitigni Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon, non possono, singolarmente o congiuntamente, superare il limite del 15% max.

ELBA ALEATICO PASSITO / ALEATICO PASSITO DELL’ELBA DOP (DOCG)
Regione Toscana. Provincia di Livorno.
Aleatico 100%.

MONTECUCCO SANGIOVESE DOP (DOCG)
Regione Toscana. Provincia di Grosseto.
Sangiovese, min. 90%; possono concorrere fino ad un 10% max le uve a bacca nera di vigneti coltivati in Toscana, ad esclusione di Malvasia Nera, Malvasia Nera di Brindisi e Aleatico.

MORELLINO DI SCANSANO DOP (DOCG)
Regione Toscana. Provincia di Grosseto.
Sangiovese, min. 85%; possono concorrere fino ad un 15% max le uve a bacca nera, escluso gli aromatici, coltivati nella regione Toscana.

SUVERETO DOP (DOCG)
Regione Toscana. Provincia di Livorno.
Suvereto: Cabernet Sauvignon e Merlot, da soli o congiuntamente, fino al 100%; possono concorrere fino al 15% max vitigni a bacca nera, non aromatici, coltivati nella regione Toscana.
Suvereto Sangiovese: Sangiovese, min. 85%; possono concorrere fino al 15% max vitigni a bacca nera, non aromatici, coltivati nella regione Toscana.

VAL DI CORNIA ROSSO / ROSSO DELLA VAL DI CORNIA DOP (DOCG)
Regione Toscana. Province di Livorno e Pisa.
Sangiovese, min. 40%; Cabernet Sauvignon e Merlot max 60%; possono concorrere fino al 20% max vitigni a bacca nera coltivati nella regione Toscana, ad esclusione del vitigno Aleatico.

VERNACCIA DI SAN GIMIGNANO DOP (DOCG)
Regione Toscana. Provincia di Siena.
Vernaccia di San Gimignano, min. 85%; possono concorrere fino al 15% max vitigni a bacca bianca, non aromatici, coltivati nella regione Toscana; non sono consentiti Traminer, Moscato bianco, Muller Thurgau, Malvasia di Candia, Malvasia Istriana, Incrocio Bruni54; Sauvignon e Riesling possono concorrere nella misura del 10% max.

VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO DOP (DOCG)
Regione Toscana. Provincia di Siena.
Sangiovese (denominato a Montepulciano prugnolo gentile), min. 70%; possono concorrere fino al 30% max vitigni coltivati nella regione Toscana purché la percentuale dei vitigni a bacca bianca non superi il 5%.

MARCHE

CASTELLI DI JESI VERDICCHIO RISERVA DOP (DOCG)
Regione Marche. Province di Ancona e Macerata.
Verdicchio, min. 85%; possono concorrere altri vitigni a bacca bianca per un 15% max.

CONERO DOP (DOCG)
Regione Marche. Provincia di Ancona.
Montepulciano, min. 85%; Sangiovese, max 15%.

OFFIDA DOP (DOCG)
Regione Marche. Province di Ascoli Piceno e Fermo.
Offida Pecorino: Pecorino, min. 85%; possono concorrere fino al 15% max vitigni a bacca bianca, non aromatici, coltivati nella regione Marche.
Offida Passerina: Passerina, min. 85%; possono concorrere fino al 15% max vitigni a bacca bianca, non aromatici, coltivati nella regione Marche.
Offida rosso: Montepulciano, min. 85%; possono concorrere fino al 15% max vitigni a bacca nera, non aromatici, coltivati nella regione Marche.

VERDICCHIO DI MATELICA RISERVA DOP (DOCG)
Regione Marche. Province di Macerata e Ancona
Verdicchio, min. 85%; possono concorrere fino al 15% max vitigni a bacca bianca coltivati nella regione Marche.

VERNACCIA DI SERRAPETRONA DOP (DOCG)
Regione Marche. Provincia di Macerata.
Vernaccia nera, min. 85%; possono concorrere fino al 15% max vitigni a bacca nera coltivati nella regione Marche.

VINI DOP (DOCG) DELL’UMBRIA

MONTEFALCO SAGRANTINO DOP (DOCG)
Regione Umbria. Provincia di Perugia.
Sagrantino 100%.

TORGIANO ROSSO RISERVA DOP (DOCG)
Regione Umbria. Provincia di Perugia.
Sangiovese, dal 70% al 100%; possono concorrere fino al 30% max vitigni a bacca nera, non aromatici, coltivati nella regione Umbria.

VINI DOP (DOCG) DELL’ABRUZZO

MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COLLINE TERAMANE DOP (DOCG)
Regione Abruzzo. Provincia di Teramo.
Montepulciano, min. 90%; Sangiovese, max 10%.

TERRE TOLLESI / TULLUM
Regione Abruzzo. Provincia di Chieti.
Rosso e Rosso riserva: Montepulciano, min. 95%; possono concorrere fino al 5% max, vitigni a bacca nera, coltivati nella regione Abruzzo.
Pecorino: Pecorino min. 90%; possono concorrere fino al 10% max vitigni a bacca bianca coltivati nella regione Abruzzo.
Passerina: Passerina min. 90%; possono concorrere fino al 10% max vitigni a bacca bianca coltivati nella regione Abruzzo.
Spumante: Chardonnay, min. 60%, possono concorrere fino al 40% max, vitigni non aromatici, coltivati nella regione Abruzzo.

VINI DOP (DOCG) DEL LAZIO

CANNELLINO DI FRASCATI DOP (DOCG)
Regione Lazio. Provincia di Roma.
Malvasia bianca di Candia e/o Malvasia del Lazio (Malvasia puntinata) min. 70%; Bellone, Bombino bianco, Greco bianco, Trebbiano toscano, Trebbiano giallo da soli o congiuntamente fino ad un max del 30%; possono concorrere altre varietà a bacca bianca coltivate nella regione Lazio per un 15% max.

CESANESE DEL PIGLIO / PIGLIO DOP (DOCG)
Regione Lazio. Provincia di Frosinone.
Cesanese di Affile e/o Cesanese comune min. 90%; possono concorrere altri vitigni a bacca nera per un 10% max, coltivati nella regione Lazio.

FRASCATI SUPERIORE DOP (DOCG)
Regione Lazio. Provincia di Roma.
Malvasia bianca di Candia e/o Malvasia del Lazio (Malvasia puntinata) min. 70%; Bellone, Bombino bianco, Greco bianco, Trebbiano toscano, Trebbiano giallo da soli max 30%; altre varietà a bacca bianca coltivate nella regione Lazio per un 15% max.

VINI DOP (DOCG) DELLA CAMPANIA

AGLIANICO DEL TABURNO DOP (DOCG)
Regione Campania. Provincia di Benevento.
Aglianico, min. 85%; possono concorre altri vitigni a bacca nera, non aromatici, idonei alla coltivazione in provincia di Benevento fino ad un 15% max.

FIANO DI AVELLINO DOP (DOCG)
Regione Campania. Provincia di Avellino.
Fiano, min. 85%; possono concorrere fino ad un 15% max, Greco, Coda di Volpe, Trebbiano toscano.

GRECO DI TUFO DOP (DOCG)
Regione Campania. Provincia di Avellino.
Greco bianco, min. 85%; Coda di Volpe, max 15%.

TAURASI DOP (DOCG)
Regione Campania. Provincia di Avellino.
Aglianico, min. 85%; possono concorrere fino al 15% max vitigni a bacca nera, non aromatici, coltivati nella provincia di Avellino.

VINI DOP (DOCG) DELLA PUGLIA

CASTEL DEL MONTE BOMBINO NERO DOP (DOCG)
Regione Puglia. Province di Bari e Barletta-Andria-Trani.
Bombino Nero, min. 90%; possono concorrere altri vitigni a bacca nera non aromatici per un 10% max, coltivati nella zona di produzione omogenea “Murgia Centrale” della regione Puglia.

CASTEL DEL MONTE NERO DI TROIA RISERVA DOP (DOCG)
Regione Puglia. Province di Bari e Barletta-Andria-Trani.
Nero di Troia, min. 90%; possono concorrere altri vitigni a bacca nera non aromatici per un 10% max, coltivati nella zona di produzione omogenea “Murgia Centrale” della regione Puglia.

CASTEL DEL MONTE ROSSO RISERVA DOP (DOCG)
Regione Puglia. Province di Bari e Barletta-Andria-Trani.
Nero di Troia, min. 65%; possono concorrere altri vitigni a bacca nera non aromatici per un 35% max, coltivati nella zona di produzione omogenea “Murgia Centrale” della regione Puglia.

PRIMITIVO DI MANDURIA DOLCE NATURALE DOP (DOCG)
Regione Puglia. Province di Taranto e Brindisi.
Primitivo 100%.

VINI DOP (DOCG) DELLA BASILICATA

AGLIANICO DEL VULTURE SUPERIORE DOP (DOCG)
Regione Basilicata. Provincia di Potenza.
Aglianico del Vulture e/o Aglianico 100%.

VINI DOP (DOCG) DELLA SICILIA

CERASUOLO DI VITTORIA DOP (DOCG)
Regione Sicilia. Province di Ragusa, Caltanissetta e Catania.
Nero d’Avola dal 50% al 70%; Frappato dal 30% al 50%.

VINI DOP (DOCG) DELLA SARDEGNA

VERMENTINO DI GALLURA DOP (DOCG)
Regione Sardegna. Province di Olbia-Tempio e Sassari.
Vermentino, min. 95%; possono concorrere fino al 5% max vitigni a bacca bianca, non aromatici, coltivati nella regione Sardegna.

DOC

VINI DOP (DOC) DELLA VALLE D’AOSTA

VALLE D’AOSTA / VALLÈE D’AOSTE DOP (DOC)
Regione Valle d’Aosta.

VINI DOP (DOC) DEL PIEMONTE

ALBA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

ALBUGNANO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

BARBERA D’ALBA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

BARBERA DEL MONFERRATO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

BOCA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

BRAMATERRA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

CALOSSO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

CANAVESE DOP (DOC)
Regione Piemonte.

CAREMA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

CISTERNA D’ASTI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

COLLI TORTONESI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

COLLINA TORINESE DOP (DOC)
Regione Piemonte.

COLLINE NOVARESI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

COLLINE SALUZZESI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

CORTESE DELL’ALTO MONFERRATO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

COSTE DELLA SESIA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

DOLCETTO D’ACQUI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

DOLCETTO D’ALBA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

DOLCETTO D’ASTI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

DOLCETTO DI OVADA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

FARA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

FREISA D’ASTI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

FREISA DI CHIERI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

GABIANO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

GRIGNOLINO D’ASTI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

GRIGNOLINO DEL MONFERRATO CASALESE DOP (DOC)
Regione Piemonte.

LANGHE DOP (DOC)
Regione Piemonte.

LESSONA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

LOAZZOLO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

MALVASIA DI CASORZO D’ASTI / CASORZO / MALVASIA DI CASORZO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

MALVASIA DI CASTELNUOVO DON BOSCO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

MONFERRATO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

NEBBIOLO D’ALBA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

PIEMONTE DOP (DOC)
Regione Piemonte.

PINEROLESE DOP (DOC)
Regione Piemonte.

RUBINO DI CANTAVENNA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

SIZZANO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

STREVI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

TERRE ALFIERI DOP (DOC)
Regione Piemonte.

VALLI OSSOLANE DOP (DOC)
Regione Piemonte.

VALSUSA DOP (DOC)
Regione Piemonte.

VERDUNO PELAVERGA / VERDUNO DOP (DOC)
Regione Piemonte.

VINI DOP (DOC) DELLA LOMBARDIA

BONARDA DELL’OLTREPÒ PAVESE DOP (DOC)
Regione Lombardia.

BOTTICINO DOP (DOC)
Regione Lombardia.

BUTTAFUOCO DELL’OLTREPÒ PAVESE / BUTTAFUOCO DOP (DOC)
Regione Lombardia.

CAPRIANO DEL COLLE DOP (DOC)
Regione Lombardia.

CASTEGGIO DOP (DOC)
Regione Lombardia.

CELLATICA DOP (DOC)
Regione Lombardia.

CURTEFRANCA DOP (DOC)
Regione Lombardia.

GARDA DOP (DOC)
Interregionale. Regione Lombardia; Regione Veneto.

GARDA COLLI MANTOVANI DOP (DOC)
Regione Lombardia.

LAMBRUSCO MANTOVANO DOP (DOC)
Regione Lombardia.

LUGANA DOP (DOC)
Interregionale. Regione Lombardia; Regione Veneto.

OLTREPÒ PAVESE DOP (DOC)
Regione Lombardia.

OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO DOP (DOC)
Regione Lombardia.

PINOT NERO DELL’OLTREPÒ PAVESE DOP (DOC)
Regione Lombardia.

RIVIERA DEL GARDA BRESCIANO / GARDA BRESCIANO DOP (DOC)
Regione Lombardia.

SAN COLOMBANO AL LAMBRO / SAN COLOMBANO DOP (DOC)
Regione Lombardia.

SAN MARTINO DELLA BATTAGLIA DOP (DOC)
Interregionale. Regione Lombardia; Regione Veneto.

SANGUE DI GIUDA DELL’OLTREPÒ PAVESE / SANGUE DI GIUDA DOP (DOC)
Regione Lombardia.

TERRE DEL COLLEONI / COLLEONI DOP (DOC)
Regione Lombardia.

VALCALEPIO DOP (DOC)
Regione Lombardia.

VALTELLINA ROSSO / ROSSO DI VALTELLINA DOP (DOC)
Regione Lombardia.

VALTÈNESI DOP (DOC)
Regione Lombardia.

VINI DOP (DOC) DEL TRENTINO ALTO ADIGE

ALTO ADIGE / DELL’ALTO ADIGE / SÜDTIROL / SÜDTIROLER DOP (DOC)
Regione Trentino Alto Adige.

CASTELLER DOP (DOC)
Regione Trentino Alto Adige.

LAGO DI CALDARO / CALDARO / KALTERERSEE / KALTERER DOP (DOC)
Regione Trentino Alto Adige.

TEROLDEGO ROTALIANO DOP (DOC)
Regione Trentino Alto Adige.

TRENTINO DOP (DOC)
Regione Trentino Alto Adige.

TRENTO DOP (DOC)
Regione Trentino Alto Adige.

VALDADIGE / ETSCHTALER DOP (DOC)
Interregionale. Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

VALDADIGE TERRADEIFORTI / TERRADEIFORTI DOP (DOC)
Interregionale. Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

VINI DOP (DOC) DEL VENETO

ARCOLE DOP (DOC)
Regione Veneto.

BAGNOLI DI SOPRA / BAGNOLI DOP (DOC)
Regione Veneto.

BARDOLINO DOP (DOC)
Regione Veneto.

BIANCO DI CUSTOZA / CUSTOZA DOP (DOC)
Regione Veneto.

BREGANZE DOP (DOC)
Regione Veneto.

COLLI BERICI DOP (DOC)
Regione Veneto.

COLLI EUGANEI DOP (DOC)
Regione Veneto.

CORTI BENEDETTINE DEL PADOVANO DOP (DOC)
Regione Veneto.

GAMBELLARA DOP (DOC)
Regione Veneto.

GARDA DOP (DOC)
Interregionale. Regione Lombardia; Regione Veneto.

LESSINI DURELLO / DURELLO LESSINI DOP (DOC)
Regione Veneto.

LISON-PRAMAGGIORE DOP (DOC)
Interregionale. Regione Friuli Venezia Giulia; Regione Veneto.

LUGANA DOP (DOC)
Interregionale. Regione Lombardia; Regione Veneto.

MERLARA DOP (DOC)
Regione Veneto.

MONTELLO-COLLI ASOLANI DOP (DOC)
Regione Veneto.

MONTI LESSINI DOP (DOC)
Regione Veneto.

PIAVE DOP (DOC)
Regione Veneto.

PROSECCO DOP (DOC)
Interregionale. Regione Friuli Venezia Giulia; Regione Veneto.

RIVIERA DEL BRENTA DOP (DOC)
Regione Veneto.

SAN MARTINO DELLA BATTAGLIA DOP (DOC)
Interregionale. Regione Lombardia; Regione Veneto.

SOAVE DOP (DOC)
Regione Veneto.

VALDADIGE / ETSCHTALER DOP (DOC)
Interregionale. Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

VALDADIGE TERRADEIFORTI / TERRADEIFORTI DOP (DOC)
Interregionale. Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

VALPOLICELLA DOP (DOC)
Regione Veneto.

VALPOLICELLA RIPASSO DOP (DOC)
Regione Veneto.

VENEZIA DOP (DOC)
Regione Veneto.

VICENZA DOP (DOC)
Regione Veneto.

VIGNETI DELLA SERENISSIMA / SERENISSIMA DOP (DOC)
Regione Veneto.

VINI DOP (DOC) DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

CARSO / CARSO-KRAS DOP (DOC)
Regione Friuli Venezia Giulia.

COLLIO GORIZIANO / COLLIO DOP (DOC)
Regione Friuli Venezia Giulia.

FRIULI ANNIA DOP (DOC)
Regione Friuli Venezia Giulia.

FRIULI AQUILEIA DOP (DOC)
Regione Friuli Venezia Giulia.

FRIULI COLLI ORIENTALI DOP (DOC)
Regione Friuli Venezia Giulia.

FRIULI GRAVE DOP (DOC)
Regione Friuli Venezia Giulia.

FRIULI ISONZO / ISONZO DEL FRIULI DOP (DOC)
Regione Friuli Venezia Giulia.

FRIULI LATISANA DOP (DOC)
Regione Friuli Venezia Giulia.

LISON-PRAMAGGIORE DOP (DOC)
Interregionale. Regione Friuli Venezia Giulia; Regione Veneto.

PROSECCO DOP (DOC)
Interregionale. Regione Friuli Venezia Giulia; Regione Veneto.

VINI DOP (DOC) DELLA LIGURIA

CINQUE TERRE / CINQUE TERRE SCIACCHETRÀ DOP (DOC)
Regione Liguria.

COLLI DI LUNI DOP (DOC)
Interregionale. Regione Liguria; Regione Toscana.

COLLINE DI LEVANTO DOP (DOC)
Regione Liguria.

GOLFO DEL TIGULLIO-PORTOFINO / PORTOFINO DOP (DOC)
Regione Liguria.

PORNASSIO / ORMEASCO DI PORNASSIO DOP (DOC)
Regione Liguria.

RIVIERA LIGURE DI PONENTE DOP (DOC)
Regione Liguria.

ROSSESE DI DOLCEACQUA / DOLCEACQUA DOP (DOC)
Regione Liguria.

VAL POLCÈVERA DOP (DOC)
Regione Liguria.

VINI DOP (DOC) DELL’EMILIA ROMAGNA

BOSCO ELICEO DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

COLLI BOLOGNESI DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

COLLI DI FAENZA DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

COLLI DI PARMA DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

COLLI DI RIMINI DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

COLLI D’IMOLA DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

COLLI PIACENTINI DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

COLLI ROMAGNA CENTRALE DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

GUTTURNIO DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

LAMBRUSCO DI SORBARA DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

MODENA / DI MODENA DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

ORTRUGO DEI COLLI PIACENTINI / ORTRUGO-COLLI PIACENTINI DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

REGGIANO DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

RENO DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

ROMAGNA DOP (DOC)
Regione Emilia Romagna.

VINI DOP (DOC) DELLA TOSCANA

ANSONICA COSTA DELL’ARGENTARIO DOP (DOC)
Regione Toscana.

BARCO REALE DI CARMIGNANO DOP (DOC)
Regione Toscana.

BIANCO DELL’EMPOLESE DOP (DOC)
Regione Toscana.

BIANCO DI PITIGLIANO DOP (DOC)
Regione Toscana.

BOLGHERI DOP (DOC)
Regione Toscana.

BOLGHERI SASSICAIA DOP (DOC)
Regione Toscana.

CANDIA DEI COLLI APUANI DOP (DOC)
Regione Toscana.

CAPALBIO DOP (DOC)
Regione Toscana.

COLLI DELL’ETRURIA CENTRALE DOP (DOC)
Regione Toscana.

COLLI DI LUNI DOP (DOC)
Interregionale. Regione Liguria; Regione Toscana.

COLLINE LUCCHESI DOP (DOC)
Regione Toscana.

CORTONA DOP (DOC)
Regione Toscana.

ELBA DOP (DOC)
Regione Toscana.

GRANCE SENESI DOP (DOC)
Regione Toscana.

MAREMMA TOSCANA DOP (DOC)
Regione Toscana.

MONTECARLO DOP (DOC)
Regione Toscana.

MONTECUCCO DOP (DOC)
Regione Toscana.

MONTEREGIO DI MASSA MARITTIMA DOP (DOC)
Regione Toscana.

MONTESCUDAIO DOP (DOC)
Regione Toscana.

MOSCADELLO DI MONTALCINO DOP (DOC)
Regione Toscana.

ORCIA DOP (DOC)
Regione Toscana.

PARRINA DOP (DOC)
Regione Toscana.

POMINO DOP (DOC)
Regione Toscana.

ROSSO DI MONTALCINO DOP (DOC)
Regione Toscana.

ROSSO DI MONTEPULCIANO DOP (DOC)
Regione Toscana.

SAN GIMIGNANO DOP (DOC)
Regione Toscana.

SAN TORPÈ DOP (DOC)
Regione Toscana.

SANT’ANTIMO DOP (DOC)
Regione Toscana.

SOVANA DOP (DOC)
Regione Toscana.

TERRATICO DI BIBBONA DOP (DOC)
Regione Toscana.

TERRE DI CASOLE DOP (DOC)
Regione Toscana.

TERRE DI PISA DOP (DOC)
Regione Toscana.

VAL D’ARBIA DOP (DOC)
Regione Toscana.

VAL D’ARNO DI SOPRA / VALDARNO DI SOPRA DOP (DOC)
Regione Toscana.

VAL DI CORNIA DOP (DOC)
Regione Toscana.

VALDICHIANA TOSCANA DOP (DOC)
Regione Toscana.

VALDINIEVOLE DOP (DOC)
Regione Toscana.

VIN SANTO DEL CHIANTI DOP (DOC)
Regione Toscana.

VIN SANTO DEL CHIANTI CLASSICO DOP (DOC)
Regione Toscana.

VIN SANTO DI CARMIGNANO DOP (DOC)
Regione Toscana.

VIN SANTO DI MONTEPULCIANO DOP (DOC)
Regione Toscana.

VINI DOP (DOC) DELLE MARCHE

BIANCHELLO DEL METAURO DOP (DOC)
Regione Marche.

COLLI MACERATESI DOP (DOC)
Regione Marche.

COLLI PESARESI DOP (DOC)
Regione Marche.

ESINO DOP (DOC)
Regione Marche.

FALERIO DOP (DOC)
Regione Marche.

I TERRENI DI SANSEVERINO DOP (DOC)
Regione Marche.

LACRIMA DI MORRO / LACRIMA DI MORRO D’ALBA DOP (DOC)
Regione Marche.

PERGOLA DOP (DOC)
Regione Marche.

ROSSO CONERO DOP (DOC)
Regione Marche.

ROSSO PICENO / PICENO DOP (DOC)
Regione Marche.

SAN GINESIO DOP (DOC)
Regione Marche.

SERRAPETRONA DOP (DOC)
Regione Marche.

TERRE DI OFFIDA DOP (DOC)
Regione Marche.

VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI DOP (DOC)
Regione Marche.

VERDICCHIO DI MATELICA DOP (DOC)
Regione Marche.

VINI DOP (DOC) DELL’UMBRIA

AMELIA DOP (DOC)
Regione Umbria.

ASSISI DOP (DOC)
Regione Umbria.

COLLI ALTOTIBERINI DOP (DOC)
Regione Umbria.

COLLI DEL TRASIMENO / TRASIMENO DOP (DOC)
Regione Umbria.

COLLI MARTANI DOP (DOC)
Regione Umbria.

COLLI PERUGINI DOP (DOC)
Regione Umbria.

LAGO DI CORBARA DOP (DOC)
Regione Umbria.

MONTEFALCO DOP (DOC)
Regione Umbria.

ORVIETO DOP (DOC)
Interregionale. Regione Lazio; Regione Umbria.

ROSSO ORVIETANO / ORVIETANO ROSSO DOP (DOC)
Regione Umbria.

SPOLETO DOP (DOC)
Regione Umbria.

TODI DOP (DOC)
Regione Umbria.

TORGIANO DOP (DOC)
Regione Umbria.

VINI DOP (DOC) DEL LAZIO

ALEATICO DI GRADOLI DOP (DOC)
Regione Lazio.

APRILIA DOP (DOC)
Regione Lazio.

ATINA DOP (DOC)
Regione Lazio.

BIANCO CAPENA DOP (DOC)
Regione Lazio.

CASTELLI ROMANI DOP (DOC)
Regione Lazio.

CERVETERI DOP (DOC)
Regione Lazio.

CESANESE DI AFFILE / AFFILE DOP (DOC)
Regione Lazio.

CESANESE DI OLEVANO ROMANO / OLEVANO ROMANO DOP (DOC)
Regione Lazio.

CIRCEO DOP (DOC)
Regione Lazio.

COLLI ALBANI DOP (DOC)
Regione Lazio.

COLLI DELLA SABINA DOP (DOC)
Regione Lazio.

COLLI ETRUSCHI VITERBESI / TUSCIA DOP (DOC)
Regione Lazio.

COLLI LANUVINI DOP (DOC)
Regione Lazio.

CORI DOP (DOC)
Regione Lazio.

EST! EST!! EST!!! DI MONTEFIASCONE DOP (DOC)
Regione Lazio.

FRASCATI DOP (DOC)
Regione Lazio.

GENAZZANO DOP (DOC)
Regione Lazio.

MARINO DOP (DOC)
Regione Lazio.

MONTECOMPATRI COLONNA / MONTECOMPATRI / COLONNA DOP (DOC)
Regione Lazio.

NETTUNO DOP (DOC)
Regione Lazio.

ORVIETO DOP (DOC)
Interregionale. Regione Lazio; Regione Umbria.

ROMA DOP (DOC)
Regione Lazio.

TARQUINIA DOP (DOC)
Regione Lazio.

TERRACINA / MOSCATO DI TERRACINA DOP (DOC)
Regione Lazio.

VELLETRI DOP (DOC)
Regione Lazio.

VIGNANELLO DOP (DOC)
Regione Lazio.

ZAGAROLO DOP (DOC)
Regione Lazio.

VINI DOP (DOC) DELL’ABRUZZO

ABRUZZO DOP (DOC)
Regione Abruzzo.

CERASUOLO D’ABRUZZO DOP (DOC)
Regione Abruzzo.

CONTROGUERRA DOP (DOC)
Regione Abruzzo.

MONTEPULCIANO D’ABRUZZO DOP (DOC)
Regione Abruzzo.

ORTONA DOP (DOC)
Regione Abruzzo.

TREBBIANO D’ABRUZZO DOP (DOC)
Regione Abruzzo.

VILLAMAGNA DOP (DOC)
Regione Abruzzo.

VINI DOP (DOC) DEL MOLISE

BIFERNO DOP (DOC)
Regione Molise.

MOLISE / DEL MOLISE DOP (DOC)
Regione Molise.

PENTRO DI ISERNIA / PENTRO DOP (DOC)
Regione Molise.

TINTILIA DEL MOLISE DOP (DOC)
Regione Molise.

VINI DOP (DOC) DELLA CAMPANIA

AVERSA DOP (DOC)
Regione Campania.

CAMPI FLEGREI DOP (DOC)
Regione Campania.

CAPRI DOP (DOC)
Regione Campania.

CASAVECCHIA DI PONTELATONE DOP (DOC)
Regione Campania.

CASTEL SAN LORENZO DOP (DOC)
Regione Campania.

CILENTO DOP (DOC)
Regione Campania.

COSTA D’AMALFI DOP (DOC)
Regione Campania.

FALANGHINA DEL SANNIO DOP (DOC)
Regione Campania.

FALERNO DEL MASSICO DOP (DOC)
Regione Campania.

GALLUCCIO DOP (DOC)
Regione Campania.

IRPINIA DOP (DOC)
Regione Campania.

ISCHIA DOP (DOC)
Regione Campania.

PENISOLA SORRENTINA DOP (DOC)
Regione Campania.

SANNIO DOP (DOC)
Regione Campania.

VESUVIO DOP (DOC)
Regione Campania.

VINI DOP (DOC) DELLA PUGLIA

ALEATICO DI PUGLIA DOP (DOC)
Regione Puglia.

ALEZIO DOP (DOC)
Regione Puglia.

BARLETTA DOP (DOC)
Regione Puglia.

BRINDISI DOP (DOC)
Regione Puglia.

CACC’E MMITTE DI LUCERA DOP (DOC)
Regione Puglia.

CASTEL DEL MONTE DOP (DOC)
Regione Puglia.

COLLINE JONICHE TARANTINE DOP (DOC)
Regione Puglia.

COPERTINO DOP (DOC)
Regione Puglia.

GALATINA DOP (DOC)
Regione Puglia.

GIOIA DEL COLLE DOP (DOC)
Regione Puglia.

GRAVINA DOP (DOC)
Regione Puglia.

LEVERANO DOP (DOC)
Regione Puglia.

LIZZANO DOP (DOC)
Regione Puglia.

LOCOROTONDO DOP (DOC)
Regione Puglia.

MARTINA / MARTINA FRANCA DOP (DOC)
Regione Puglia.

MATINO DOP (DOC)
Regione Puglia.

MOSCATO DI TRANI DOP (DOC)
Regione Puglia.

NARDÒ DOP (DOC)
Regione Puglia.

NEGROAMARO DI TERRA D’OTRANTO DOP (DOC)
Regione Puglia.

ORTA NOVA DOP (DOC)
Regione Puglia.

OSTUNI DOP (DOC)
Regione Puglia.

PRIMITIVO DI MANDURIA DOP (DOC)
Regione Puglia.

ROSSO DI CERIGNOLA DOP (DOC)
Regione Puglia.

SALICE SALENTINO DOP (DOC)
Regione Puglia.

SAN SEVERO DOP (DOC)
Regione Puglia.

SQUINZANO DOP (DOC)
Regione Puglia.

TAVOLIERE DELLE PUGLIE / TAVOLIERE DOP (DOC)
Regione Puglia.

TERRA D’OTRANTO DOP (DOC)
Regione Puglia.

VINI DOP (DOC) DELLA BASILICATA

AGLIANICO DEL VULTURE DOP (DOC)
Regione Basilicata.

GROTTINO DI ROCCANOVA DOP (DOC)
Regione Basilicata.

MATERA DOP (DOC)
Regione Basilicata.

TERRE DELL’ALTA VAL D’AGRI DOP (DOC)
Regione Basilicata.

VINI DOP (DOC) DELLA CALABRIA

BIVONGI DOP (DOC)
Regione Calabria.

CIRÒ DOP (DOC)
Regione Calabria.

GRECO DI BIANCO DOP (DOC)
Regione Calabria.

LAMEZIA DOP (DOC)
Regione Calabria.

MELISSA DOP (DOC)
Regione Calabria.

S. ANNA DI ISOLA CAPO RIZZUTO DOP (DOC)
Regione abria.

SAVUTO DOP (DOC)
Regione Calabria.

SCAVIGNA DOP (DOC)
Regione Calabria.

TERRE DI COSENZA DOP (DOC)
Regione Calabria.

VINI DOP (DOC) DELLA SICILIA

ALCAMO DOP (DOC)
Regione Sicilia.

CONTEA DI SCLAFANI / VALLEDOLMO-CONTEA DI SCLAFANI DOP (DOC)
Regione Sicilia.

CONTESSA ENTELLINA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

DELIA NIVOLELLI DOP (DOC)
Regione Sicilia.

ELORO DOP (DOC)
Regione Sicilia.

ERICE DOP (DOC)
Regione Sicilia.

ETNA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

FARO DOP (DOC)
Regione Sicilia.

MALVASIA DELLE LIPARI DOP (DOC)
Regione Sicilia.

MAMERTINO DI MILAZZO / MAMERTINO DOP (DOC)
Regione Sicilia.

MARSALA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

MENFI DOP (DOC)
Regione Sicilia.

MONREALE DOP (DOC)
Regione Sicilia.

NOTO DOP (DOC)
Regione Sicilia.

PANTELLERIA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

RIESI DOP (DOC)
Regione Sicilia.

SALAPARUTA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

SAMBUCA DI SICILIA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

SANTA MARGHERITA DI BELICE DOP (DOC)
Regione Sicilia.

SCIACCA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

SICILIA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

SIRACUSA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

VITTORIA DOP (DOC)
Regione Sicilia.

VINI DOP (DOC) DELLA SARDEGNA

ALGHERO DOP (DOC)
Regione Sardegna.

ARBOREA DOP (DOC)
Regione Sardegna.

CAGLIARI DOP (DOC)
Regione Sardegna.

CAMPIDANO DI TERRALBA / TERRALBA DOP (DOC)
Regione Sardegna.

CANNONAU DI SARDEGNA DOP (DOC)
Regione Sardegna.

CARIGNANO DEL SULCIS DOP (DOC)
Regione Sardegna.

GIRÒ DI CAGLIARI DOP (DOC)
Regione Sardegna.

MALVASIA DI BOSA DOP (DOC)
Regione Sardegna.

MANDROLISAI DOP (DOC)
Regione Sardegna.

MONICA DI SARDEGNA DOP (DOC)
Regione Sardegna.

MOSCATO DI SARDEGNA DOP (DOC)
Regione Sardegna.

MOSCATO DI SORSO-SENNORI / MOSCATO DI SORSO / MOSCATO DI SENNORI DOP (DOC)
Regione Sardegna.

NASCO DI CAGLIARI DOP (DOC)
Regione Sardegna.

NURAGUS DI CAGLIARI DOP (DOC)
Regione Sardegna.

SARDEGNA SEMIDANO DOP (DOC)
Regione Sardegna.

VERMENTINO DI SARDEGNA DOP (DOC)
Regione Sardegna.

VERNACCIA DI ORISTANO DOP (DOC)
Regione Sardegna.

Dati estrapolati dagli elenchi del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. A questo link è possibile scaricare i files pubblici .pdf con gli elenchi e i disciplinari di produzione.

Vini Italiani IGP (IGT)

Elenco delle 118 IGP (Indicazione Geografica Protetta)

IGT (Indicazione Geografica Tipica) nella menzione tradizionale italiana

VINI IGP (IGT) DELLA LOMBARDIA

ALTO MINCIO IGP (IGT)
Regione Lombardia

BENACO BRESCIANO IGP (IGT)
Regione Lombardia.

BERGAMASCA IGP (IGT)
Regione Lombardia.

COLLINA DEL MILANESE IGP (IGT)
Regione Lombardia.

MONTENETTO DI BRESCIA IGP (IGT)
Regione Lombardia.

PROVINCIA DI MANTOVA IGP (IGT)
Regione Lombardia.

PROVINCIA DI PAVIA IGP (IGT)
Regione Lombardia.

QUISTELLO IGP (IGT)
Regione Lombardia.

RONCHI DI BRESCIA IGP (IGT)
Regione Lombardia.

RONCHI VARESINI IGP (IGT)
Regione Lombardia.

SABBIONETA IGP (IGT)
Regione Lombardia.

SEBINO IGP (IGT)
Regione Lombardia.

TERRAZZE RETICHE DI SONDRIO IGP (IGT)
Regione Lombardia.

TERRE LARIANE IGP (IGT)
Regione Lombardia.

VALCAMONICA IGP (IGT)
Regione Lombardia.

VINI IGP (IGT) DEL TRENTINO ALTO ADIGE

DELLE VENEZIE IGP (IGT)
Interregionale. Regione Friuli Venezia Giulia; Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

MITTERBERG IGP (IGT)
Regione Trentino Alto Adige.

VALLAGARINA IGP (IGT)
Interregionale. Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

VIGNETI DELLE DOLOMITI / WEINBERG DOLOMITEN IGP (IGT)
Interregionale. Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

VINI IGP (IGT) DEL VENETO

ALTO LIVENZA IGP (IGT)
Interregionale. Regione Friuli Venezia Giulia; Regione Veneto.

COLLI TREVIGIANI IGP (IGT)
Regione Veneto.

CONSELVANO IGP (IGT)
Regione Veneto.

DELLE VENEZIE IGP (IGT)
Interregionale. Regione Friuli Venezia Giulia; Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

MARCA TREVIGIANA IGP (IGT)
Regione Veneto.

VALLAGARINA IGP (IGT)
Interregionale. Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

VENETO IGP (IGT)
Regione Veneto.

VENETO ORIENTALE IGP (IGT)
Regione Veneto.

VERONA / PROVINCIA DI VERONA / VERONESE IGP (IGT)
Regione Veneto.

VIGNETI DELLE DOLOMITI / WEINBERG DOLOMITEN IGP (IGT)
Interregionale. Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

VINI IGP (IGT) DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ALTO LIVENZA IGP (IGT)
Interregionale. Regione Friuli Venezia Giulia; Regione Veneto.

DELLE VENEZIE IGP (IGT)
Interregionale. Regione Friuli Venezia Giulia; Regione Trentino Alto Adige; Regione Veneto.

VENEZIA GIULIA IGP (IGT)
Regione Friuli Venezia Giulia.

VINI IGP (IGT) DELLA LIGURIA

COLLINA DEL GENOVESATO IGP (IGT)
Regione Liguria.

COLLINE SAVONESI IGP (IGT)
Regione Liguria.

LIGURIA DI LEVANTE IGP (IGT)
Regione Liguria.

TERRAZZE DELL’IMPERIESE IGP (IGT)
Regione Liguria.

VINI IGP (IGT) DELL’EMILIA ROMAGNA

BIANCO DI CASTELFRANCO EMILIA IGP (IGT)
Regione Emilia Romagna.

EMILIA / DELL’EMILIA IGP (IGT)
Regione Emilia Romagna.

FORLÌ IGP (IGT)
Regione Emilia Romagna.

FONTANA DEL TARO IGP (IGT)
Regione Emilia Romagna.

RAVENNA IGP (IGT)
Regione Emilia Romagna.

RUBICONE IGP (IGT)
Regione Emilia Romagna.

SILLARO / BIANCO DEL SILLARO IGP (IGT)
Regione Emilia Romagna.

TERRE DI VELEJA IGP (IGT)
Regione Emilia Romagna.

VAL TIDONE IGP (IGT)
Regione Emilia Romagna.

VINI IGP (IGT) DELLA TOSCANA

ALTA VALLE DELLA GREVE IGP (IGT)
Regione Toscana.

COLLI DELLA TOSCANA CENTRALE IGP (IGT)
Regione Toscana.

COSTA TOSCANA IGP (IGT)
Regione Toscana.

MONTECASTELLI IGP (IGT)
Regione Toscana.

TOSCANO / TOSCANA IGP (IGT)
Regione Toscana.

VAL DI MAGRA IGP (IGT)
Regione Toscana.

VINI IGP (IGT) DELLE MARCHE

MARCHE IGP (IGT)
Regione Marche.

VINI IGP (IGT) DELL’UMBRIA

ALLERONA IGP (IGT)
Regione Umbria.

BETTONA IGP (IGT)
Regione Umbria.

CANNARA IGP (IGT)
Regione Umbria.

NARNI IGP (IGT)
Regione Umbria.

SPELLO IGP (IGT)
Regione Umbria.

UMBRIA IGP (IGT)
Regione Umbria.

VINI IGP (IGT) DEL LAZIO

ANAGNI IGP (IGT)
Regione Lazio.

CIVITELLA D’AGLIANO IGP (IGT)
Regione Lazio.

COLLI CIMINI IGP (IGT)
Regione Lazio.

COSTA ETRUSCO ROMANA IGP (IGT)
Regione Lazio.

FRUSINATE / DEL FRUSINATE IGP (IGT)
Regione Lazio.

LAZIO IGP (IGT)
Regione Lazio.

VINI IGP (IGT) DELL’ABRUZZO

COLLI APRUTINI IGP (IGT)
Regione Abruzzo.

COLLI DEL SANGRO IGP (IGT)
Regione Abruzzo.

COLLINE FRENTANE IGP (IGT)
Regione Abruzzo.

COLLINE PESCARESI IGP (IGT)
Regione Abruzzo.

COLLINE TEATINE IGP (IGT)
Regione Abruzzo.

DEL VASTESE / HISTONIUM IGP (IGT)
Regione Abruzzo.

TERRE AQUILANE / TERRE DE L’AQUILA IGP (IGT)
Regione Abruzzo.

TERRE DI CHIETI IGP (IGT)
Regione Abruzzo.

VINI IGP (IGT) DEL MOLISE

OSCO / TERRE DEGLI OSCI IGP (IGT)
Regione Molise.

ROTAE IGP (IGT)
Regione Molise.

VINI IGP (IGT) DELLA CAMPANIA

BENEVENTO / BENEVENTANO IGP (IGT)
Regione Campania.

CAMPANIA IGP (IGT)
Regione Campania.

CATALANESCA DEL MONTE SOMMA IGP (IGT)
Regione Campania.

COLLI DI SALERNO IGP (IGT)
Regione Campania.

DUGENTA IGP (IGT)
Regione Campania.

EPOMEO IGP (IGT)
Regione Campania.

PAESTUM IGP (IGT)
Regione Campania.

POMPEIANO IGP (IGT)
Regione Campania.

ROCCAMONFINA IGP (IGT)
Regione Campania.

TERRE DEL VOLTURNO IGP (IGT)
Regione Campania.

VINI IGP (IGT) DELLA PUGLIA

DAUNIA IGP (IGT)
Regione Puglia.

MURGIA IGP (IGT)
Regione Puglia.

PUGLIA IGP (IGT)
Regione Puglia.

SALENTO IGP (IGT)
Regione Puglia.

TARANTINO IGP (IGT)
Regione Puglia.

VALLE D’ITRIA IGP (IGT)
Regione Puglia.

VINI IGP (IGT) DELLA BASILICATA

BASILICATA IGP (IGT)
Regione Basilicata.

VINI IGP (IGT) DELLA CALABRIA

ARGHILLÀ IGP (IGT)
Regione Calabria.

CALABRIA IGP (IGT)
Regione Calabria.

COSTA VIOLA IGP (IGT)
Regione Calabria.

LIPUDA IGP (IGT)
Regione Calabria.

LOCRIDE IGP (IGT)
Regione Calabria.

PALIZZI IGP (IGT)
Regione Calabria.

PELLARO IGP (IGT)
Regione Calabria.

SCILLA IGP (IGT)
Regione Calabria.

VAL DI NETO IGP (IGT)
Regione Calabria.

VALDAMATO IGP (IGT)
Regione Calabria.

VINI IGP (IGT) DELLA SICILIA

AVOLA IGP (IGT)
Regione Sicilia.

CAMARRO IGP (IGT)
Regione Sicilia.

FONTANAROSSA DI CERDA IGP (IGT)
Regione Sicilia.

SALEMI IGP (IGT)
Regione Sicilia.

SALINA IGP (IGT)
Regione Sicilia.

TERRE SICILIANE IGP (IGT)
Regione Sicilia.

VALLE BELICE IGP (IGT)
Regione Sicilia.

VINI IGP (IGT) DELLA SARDEGNA

BARBAGIA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

COLLI DEL LIMBARA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

ISOLA DEI NURAGHI IGP (IGT)
Regione Sardegna.

MARMILLA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

NURRA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

OGLIASTRA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

PARTEOLLA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

PLANARGIA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

PROVINCIA DI NUORO IGP (IGT)
Regione Sardegna.

ROMANGIA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

SIBIOLA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

THARROS IGP (IGT)
Regione Sardegna.

TREXENTA IGP (IGT)
Regione Sardegna.

VALLE DEL TIRSO IGP (IGT)
Regione Sardegna.

VALLI DI PORTO PINO IGP (IGT)
Regione Sardegna.

Dati estrapolati dagli elenchi del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. A questo link è possibile scaricare i files pubblici .pdf con gli elenchi e i disciplinari di produzione.

Classificazione e Denominazioni dei Vini Italiani

Sono tante le sigle che popolano il panorama vinicolo italiano e spesso viene fatta confusione o non se ne capisce il significato. La classificazione dei vini italiani è soggetta alle normative europee ma abbiamo ancora in uso le nostre italiche definizioni.

Sotto il marchio giallo/rosso europeo DOP

  • DOP (Denominazione d’Origine Protetta),

ricadono le menzioni tradizionali italiane DOCG e DOC

  • DOCG (Denominazione d’Origine Controllata e Garantita)
  • DOC (Denominazione d’Origine Controllata).

Entrambe le sigle sottintendono un Disciplinare di allevamento delle uve e di produzione del vino con regole ben precise e diverse per ogni vino. Ad esempio, in un Disciplinare, sono indicati i Comuni da dove possono provenire le uve, quali uve possono essere usate e in che percentuale, il grado minimo di volume alcolico, il tempo di affinamento, il tipo di impianto ecc., insomma una serie di regole atte a conferire tipicità e qualità al vino.

Sotto il marchio giallo/blu europeo IGP

  • IGP (Indicazione Geografica Protetta),

ricade la menzione tradizionale italiana IGT

  • IGT (Indicazione Geografica Tipica)

Anche per le IGT ci sono i Disciplinari di produzione ma a differenza dei precedenti si riferiscono spesso ad aree geografiche più grandi e sono magari previste maggiori varietà di uve e tipologie di vino che si possono produrre.

Queste sono le definizioni sancite dalla Comunità Europea:

Definizione di DENOMINAZIONE DI ORIGINE: il nome di una regione, di un luogo determinato o, in casi eccezionali e debitamente giu­stificati, di un paese che serve a designare un prodotto di cui all’articolo 92, paragrafo 1, conforme ai seguenti requisiti:
i)  la qualità e le caratteristiche del prodotto sono dovute essenzialmente o esclusivamente a un particolare am­ biente geografico e ai suoi fattori naturali e umani;
ii)  le uve da cui è ottenuto il prodotto provengono esclusi­vamente da tale zona geografica;
iii)  la produzione avviene in detta zona geografica e
iv)  il prodotto è ottenuto da varietà di viti appartenenti alla
specie Vitis vinifera;
Definizione di INDICAZIONE GEOGRAFICA: l’indicazione che si riferisce a una regione, a un luogo determinato o, in casi eccezionali e debitamente giustificati, a un paese, che serve a designare un prodotto di cui all’articolo 92, paragrafo 1, conforme ai seguenti requisiti:
i)  possiede qualità, notorietà o altre peculiarità attribuibili a tale origine geografica;
ii)  le uve da cui è ottenuto provengono per almeno l’85 % esclusivamente da tale zona geografica;
iii)  la produzione avviene in detta zona geografica e
iv)  è ottenuto da varietà di viti appartenenti alla specie Vitis vinifera o da un incrocio tra la specie Vitis vinifera e altre specie del genere Vitis.
(Regolamento UE N. 1308/2013)

In una ipotetica piramide qualitativa dei vini a Denominazione, al vertice ci sono le DOP/DOCG, le quali possono avere un’ulteriore livello superiore di definizione, riferito ad una zona geografica di produzione più ristretta.

Sono le MGA (dette anche MeGA)

  • MGA (Menzioni Geografiche Aggiuntive)

Vengono usate ad esempio nelle DOCG di Barolo e Barbaresco (link MGA Barolo).

Prendendo come esempio il vino Barolo si potrà quindi avere l’indicazione del Comune, ad esempio Serralunga d’Alba (che è uno degli 11 comuni che possono produrre Barolo DOCG) e l’indicazione di una sua MGA, ad esempio Gabutti (una delle 39 MGA di Serralunga). Un’ulteriore livello di definizione può essere quello dell’indicazione del nome della Vigna.

Rimanendo sull’ipotetica piramide qualitativa, abbiamo quindi le DOP/DOCG seguite dalle DOP/DOC e più sotto le IGP/IGT. Alla base della piramide qualitativa si trovano i Vini varietali e i Vini generici che corrispondono alla definizione tradizionale di:

  • VDT (Vini da Tavola)

Sono vini prodotti al di fuori di un Disciplinare di riferimento.

Le Denominazioni d’Origine sono soggette a controlli che ne garantiscono la qualità e il rispetto delle norme indicate dai Disciplinari. Sulle bottiglie di vini a Denominazione vengono apposte le cosiddette ‘fascette’ (contrassegni di Stato con filigrana e indicazione DOCG o DOC). Esse sono una garanzia per il consumatore e un valido strumento contro la contraffazione.

NORMATIVA SUL CONFEZIONAMENTO DEI VINI A DENOMINAZIONE
1. Il confezionamento, dei vini a D.O.C.G. destinati all’immissione al consumo comporta l’obbligo dell’uso della «fascetta», avente le caratteristiche indicate all’articolo 3.
2. La fascetta di cui al comma 1 e’ utilizzata anche per il confezionamento dei vini D.O.C.. Per tali vini, in alternativa, e’ consentito l’utilizzo del lotto…
(Art.2 Gazzetta Ufficiale)
COME VIENE CONFERITA UNA DENOMINAZIONE
Una DOCG è definita tale dopo 7 anni che è stata DOC, mentre una DOC diviene tale dopo 5 anni che è stata IGT. Il riconoscimento dell’IGT è riservato ai vini provenienti dalla rispettiva zona viticola a condizione che la relativa richiesta sia rappresentativa di almeno il 20% dei viticoltori interessati e di almeno il 20% della superficie totale dei vigneti oggetto di dichiarazione produttiva… (Art.33 Gazzetta Ufficiale)

Si può sintetizzare che più si sale nella piramide qualitativa e più i Disciplinari di produzione sono restrittivi e le aree produttive più circoscritte. Ma non è detto che un vino DOCG sia sempre migliore di un vino IGP. Spesso i produttori preferiscono rimanere in una IGP per avere più libertà di scelta in quanto è magari troppo restrittivo il Disciplinare della DO che ad esempio indica le varietà e le percentuali di uve utilizzabili in modo troppo vincolante. Per fare un esempio, uno dei vini italiani più conosciuti e costosi è una IGT (Toscana), parlo del Tignanello di Marchesi Antinori.

È anche possibile trovare un ottimo vino da tavola se il produttore, avendo a disposizione un buon terroir e capacità ha deciso di rimanere al di fuori di ogni vincolo legato ai Disciplinari. Ma è giusto fare riferimento ad una DOCG se si cerca un’espressione tipica di un vino. L’identificazione delle migliori zone produttive e di quali varietà meglio si esprimono in un determinato luogo, arriva da molto lontano, ben prima che nascesse l’Unione Europea e le sue DOP.

Anche per le DOC vale la stessa cosa ma vanno considerate caso per caso, perchè ad esempio, in una DOC che comprende un’intera regione, come Sicilia DOC, è più difficile trovare una tipicità specifica. Ben diverso se è indicata una zona più circoscritta come ad esempio nell’Etna DOC, ovvio che qui potrò trovare il riscontro di un terroir unico con suoli di origine vulcanica, microclima diverso ecc.

Non c’è una regola precisa per scegliere ‘il miglior vino’ in base alla sigla di Denominazione in etichetta ma vanno sempre considerate come una importante indicazione di qualità e di garanzia per il consumatore.

Per completezza di informazione, malgrado siano ormai rare sulle bottiglie, si possono trovare anche queste sigle:

  • VQPRD (vino di qualità prodotto in regione determinata)
  • VLQPRD (vino liquoroso di qualità prodotto in regione determinata)
  • VSQPRD (vino spumante di qualità prodotto in regione determinata)

Puoi scoprire gli elenchi di tutti i vini Italiani a Denominazione su queste pagine del blog:

©dipendechevino

Spumante, sì ma quale?

Se di fronte allo scaffale stai per acquistare uno Spumante ma vieni assalito dai dubbi ti basta sapere che:

Se trovi scritto Metodo Classico oppure Champenoise, vuole dire che lo spumante in questione ha avuto una rifermentazione in bottiglia. Ad ogni singola bottiglia è stato aggiunto zucchero e lievito ed è stata poi tappata temporaneamente, si fa per dire, perchè possono passare anche 10 anni sui lieviti prima della sboccatura e della tappatura definitiva. Questo processo, insieme ad un lungo affinamento in bottiglia conferisce complessità aromatica e corpo allo spumante. Le bollicine risultano anche più numerose e piccole. Di solito costa di più proprio per i tempi di lavorazione e affinamento. Senza dubbio lo spumante che preferisco. Si pensi ad esempio a Franciacorta o Champagne. Alcuni degli aromi che si sviluppano nei ‘metodo classico’ sono quelli di crosta di pane e pasticceria che spesso vanno a braccetto con quelli agrumati. I vitigni più utilizzati sono Chardonnay, Pinot nero e Pinot bianco. In Champagne anche il Pinot Meunier.

L’altra tipologia, che non sempre è specificata in etichetta, è quella dei metodo Martinotti oppure Charmat, è la stessa cosa, in entrambi i casi si parla di rifermentazione in autoclave, cioè un grande contenitore. Solitamente l’affinamento è più breve e gli aromi meno complessi. Un esempio su tutti è il Prosecco (vitigno Glera). Spesso il filo conduttore aromatico riporta alla mela verde o alla pera. Se vogliamo è più semplice da bere, si apprezza per la sua freschezza.

Detto questo si deve poi scegliere la versione in relazione al grado zuccherino. Si va dai Pas Dosè o Nature, senza zuccheri aggiunti, verticali e netti nell’esprimersi (per me il top), all’Extra Brut e Brut dove lo spumante inizia ad ammorbidirsi pur rimanendo ben secco. Con Extra dry e Sec la percezione degli zuccheri diventa più netta, per poi passare ai Demi-sec e Doux dove il dolce è il filo conduttore, questi ultimi li considererei solo in abbinamento ai dolci. 

Se devi organizzare un aperitivo e magari vuoi continuare a gustare bollicine durante la cena ti consiglio le prime tre versioni (Nature, extra-Brut, Brut). Se devi fare un regalo ad un esperto rimarrei sulle prime due. L’extra dry e sec potrebbero essere apprezzate di più da chi beve bollicine solo sporadicamente o ama quel retrogusto dolce. In ogni caso prova almeno una volta ogni tipologia così ti fai un’idea precisa e la volta successiva vai a colpo sicuro.

Ci sono poi gli spumanti rosé che prendono il colore da una brevissima macerazione a contatto con le bucce. Ottimi perchè portano con sé i sentori di piccoli frutti rossi e magari un ricordo di tannini. Infine consiglio di provare anche tutti gli altri Spumanti che vengono realizzati con uve poco conosciute come ad esempio l’Erbaluce oppure da vitigni che solitamente producono vini rossi come ad esempio il Nebbiolo o il Negramaro. Poi ci sarebbe da parlare dei metodo ancestrale o della Vernaccia nera di Serrapetrona ma direi che come approccio basta questo.

Goditi le bollicine esclusivamente fredde, tra i 4 e gli 8°. Se pensi di tenere la bottiglia in tavola durante la cena prevedi un secchiollo con il ghiaccio perchè non c’è niente di peggio di uno spumante caldo.

Luca Gonzato