Pinotage 2017, MAN

Pinotage 2017 di MAN Family Wines. Il Pinotage è un vino ed un vitigno rosso tipico del Sudafrica. Incrocio varietale tra il Pinot Nero e il Cinsaut (vitigno Francese), ottenuto nel 1925, in Africa, dal professor Abraham Izak Perold. La scelta di questa etichetta è abbastanza casuale, avevo voglia di un Pinotage ‘nuovo’ al mio palato e leggendo la storia del nome mi sono incuriosito. MAN deriva dalle iniziali di Marie, Anette e Nicky, le mogli dei tre amici che hanno fondato la cantina. Per dirgli che sarebbero stati occupati tutti i weekend hanno pensato bene di dedicargli il nome della cantina. Loro sono José Conde, Tyrrel Myburgh e Philip Myburgh. Tre famiglie che, sebbene la loro storia romantica del nome, hanno dato vita a un colosso che esporta in 25 paesi.  I vigneti si trovano nella zona più vocata del Sudafrica, a circa 50km da Cape Town e dall’oceano, nelle winelands, a metà strada tra le rinomate località di Stellenbosch e Paarl. Che se fossimo nelle langhe piemontesi sarebbe come dire tra Barolo e Barbaresco. Ma veniamo al vino, anzi alla bottiglia dove è raffigurato un paesaggio tipico delle winelands, il tappo è Stelvin (a vite). Vino dal bel colore rosso rubino, sprigiona profumi di frutta rossa come ciliegie e fragole e una nota vegetale/balsamica. Rigirandolo nel calice con più vigore si possono sentire cose particolari, a me ricorda l’incenso, il boisé. Ho l’acquolina in bocca, non aspetto oltre. È fragrante, quasi croccante nella sensazione… ora mi tornano in mente altri Pinotage, quella caratteristica che credo sia tipica e che mette insieme delle note tendenzialmente vegetali con quelle terziarie più vicine al cuoio, l’humus, la vaniglia. Una personalità ‘forte’ senza dubbi, a me piace un sacco. I tannini sono ben integrati e questo 2017 conserva una piacevole freschezza. Caldo con il 14° di vol. alcool. Finale lungo dove mettere in fila sensazioni aromatiche. Leggendo su un sito francese, tra i percettori di questo vitigno viene citato il caramello e, ‘cavolo’ è vero!, c’è anche questo, penso alla crema catalana, quel brulè sopra, mix di dolce amaro. Oltre che buono è stato anche un acquisto non troppo costoso, online sui 10€. Viene consigliato con cibi speziati, carne di maiale affumicata, selvaggina e pizza. ….Pizza oh yes! confermo.

Luca Gonzato

Share

Pubblicato da

dipendechevino

Ho ancora molta sete di vino, sono solo all'inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *