Yamada di Zaccagnini

Il nome del vitigno Pecorino mi fa sempre sorridere, oggi per uscire dalla consuetudine dei miei post ho provato a descrivere le caratteristiche principali del vino disegnando poche linee. Che dite si capisce?

In sintesi è un vino bianco italiano delle Colline Pescaresi in Abruzzo. 

Pecorino (è il vitigno).

Si tratta dello Yamada (che in giapponese vuol dire campo di montagna), l’annata è la 2017. 

Produttore: Cantina Zaccagnini.

È un vino luminoso, dai profumi agrumati, spicca il pompelmo ma si possono sentire anche degli eleganti fiori bianchi. Mi piace perchè non è ‘pesante’ come altri Pecorini e si lascia bere con facilità. Il finale è molto piacevole nelle sue note agrumate e minerali. Grande freschezza e sapidità. Un vino per rendere un aperitivo l’unica cosa necessaria della serata. Lo trovo facilmente abbinabile a stuzzichini vari, di pesce, salumi e formaggi con tendenza dolce… di sicuro non passa inosservato questo Yamada.

Da tenere in cantina per ogni occasione.

Luca Gonzato

Offida, relax e Pecorino

Devi percorrere l’Italia dal Salento a Milano, dove ti fermeresti a riposare?, per un patito di vini la scelta è stata facile, nelle Marche, a Offida. Venti minuti circa dall’autostrada e ti ritrovi in mezzo ai vigneti, tra le colline, nelle quiete, a sorseggiare un bianco autoctono, il Pecorino. Offida dà il nome anche alla DOCG che, oltre al Pecorino, comprende la Passerina e il Rosso Piceno (uve Montepulciano e Cabernet Sauvignon).

Il Pecorino non è un ‘vinello’ qualsiasi bensì un bianco di quelli corposi e con volume alcolico notevole (questo del 14%). La versione assaggiata è dei Poderi San Lazzaro, chiamata Pistillo, prodotta in regime biologico. Ha un bel sentore floreale e agrumato che in bocca lascia posto ai frutti bianchi e gialli. Morbido e rotondo per l’affinamento di 4 mesi in barrique, non perde però la bella acidità che ti mantiene fresca la bocca. Bello il finale morbido e sapido. Morbidezze e durezze convivono armoniosamente in questo Pistillo dal buon rapporto qualità/prezzo (si trova online sui 9/10 euro). Certo che assaggiato nel tardo pomeriggio, seppur accompagnato da un piatto di prosciutto e formaggio locale, ha rischiato di stendermi a letto prima di cena (e non volevo perdermi le olive all’ascolana e la pasta fatta in casa). Se passate da queste parti vi consiglio di fare una sosta ad Offida, magari all’agriturismo Rosa dei venti, dove siamo stati noi. I costi sono davvero contenuti sia per cenare che per pernottare, poi guardare le colline che degradano verso il mare con un buon vino nel bicchiere è davvero ‘priceless’.

Luca Gonzato