P.N.19-2015 Terramossa Picchi

Magnum n19, Pinot Noir Terramossa 2015, Azienda vitivinicola Picchi di Casteggio in Oltrepó Pavese. È una delle due magnum portate a casa dopo la mattinata trascorsa in vigna al master viticoltura organizzato da AisMilano. Ora mi è finalmente chiara la differenza tra Guyot e Cordone Speronato, due modi di allevare la vite che richiedono un diverso sistema di potatura. A spiegarci le differenze c’era Gabriele Picchi, agronomo ed enologo della Cantina, oltre che relatore nei corsi per sommelier Ais. Certo che questa mattina tirava un’aria che tagliava le orecchie, soprattutto sul crinale della collina coltivata a Pinot nero.

Bello vedere come i terreni cambiano colore e consistenza anche a soli 50 metri di distanza. Argille gialle, terre rosse ferrose oppure sabbiose con componenti minerali gessose. È l’Oltrepò, una terra di vini eccellenti che però non ha ancora sfondato certi pregiudizi in tanti consumatori. Terra di Spumanti a metodo classico e di varietà tipiche come l’Uva rara, la Croatina e la Bonarda. Trovano spazio anche belle espressioni di Pinot grigio e Riesling. Non dimentichiamoci poi della Barbera. Ma il Top dei vini che rendono grande questo terroir è il Pinot nero. Uno tra i pochissimi posti in Italia dove riesce a dare risultati in grado di competere con gli altri Pinot neri del mondo. Picchi ne produce una versione elegante e di corpo che è impossibile non amare. Nella degustazione effettuata nell’agriturismo Circe, attiguo alla cantina di Picchi, è bastato un primo sorso, accompagnato da brasato con polenta, a riportare il sorriso sui nostri volti infreddoliti e farci rendere grazie d’essere qui. Morbido, vellutato, con un bel frutto rosso carnoso e note balsamiche, lungo ed elegante. Di questo vino ci vuole proprio una Magnum da mettere in tavola, così non rischi di rimanere a bocca asciutta ogni volta che ti verrà voglia di fare un’altro sorso. Very very good. Se passate da Casteggio fermatevi da Picchi a fare un assaggio, ma fate in fretta perchè anche le magnum 2015 stanno finendo!

Luca Gonzato

Hic enoteca bistrot

 

Da Hic in via Sidoli a Milano, per festeggiare il titolo raggiunto di Esperti Assaggiatori Onav. Si inizia con un brindisi a base di uva Erbaluce (vitigno autoctono piemontese) spumantizzata con Metodo Classico, Cuvéè Tradizione 1968 di Orsolani, millesimo 2011, affinata sui lieviti per 60 mesi. Uno spumante davvero interessante nei profumi e alternativo ai competitor lombardi e francesi. In boccca conserva qualche nota agrumata e fresca ma a risaltare sono i profumi caldi e morbidi dell’affinamento sui lieviti, note di pasticceria, crosta di pane, frutta secca, bellissima nocciola finale. Si sposa bene al tagliere di formaggi che accompagna la degustazione.

Su consiglio del titolare di Hic, che si è prodigato nell’accoglienza e nel proporci diversi possibili assaggi, passiamo ad un Aglianico campano del 2015, l’Ognostro (vuol dire inchiostro) di Marco Tinessa, infatti il colore nel bicchiere è scuro e non lascia spazio a trasparenze. Un vino che si apre lentamente sprigionando un gran ventaglio di profumi, more, mirtilli, sentori minerali, note speziate, humus, sottobosco. In bocca ha un ingresso fresco con ancora un bel frutto fragrante e un’acidità che rende il sorso piacevole. Bel corpo e tannini composti, si succedono in bocca i percettori per poi terminare in un bel finale balsamico/mentolato. Grande Aglianico, caldo senza darlo a sentire (14,5% di volume alcolico), persistente in bocca ed appagante nel gusto. Ci vorrebbe un bel filetto al pepe verde per apprezzarlo fino in fondo.

Per il terzo assaggio, un’altra chicca dell’enoteca Hic, il rosso fortificato 1501 Merlino di Pojer e Sandri (Trentino), un vino con residuo zuccherino da uve Lagrein al quale viene aggiunto del brandy invecchiato e che affina poi per 8/10 mesi in botti dove c’era il brandy. È chiaramente un vino da centellinare e godersi con estrema lentezza, un ’fortificato’ che ti riporta il sorriso ed evoca i ricordi. Profumi di frutti rossi sotto spirito, i ‘Mon Chérie’, note di cacao, vaniglia. Avvolgente, vellutato ed estremamente persistente, anche dopo diversi minuti hai delle belle sensazioni dolci nel palato, perfetto con il cioccolato ma anche da solo, non gli manca niente. Bella serata da Hic, posto accogliente e prezzi giusti, interessante selezione di vini, molti i ‘naturali’ e triple ‘A’ visti sugli scaffali. Taglieri di salumi e formaggi gustosi e non minimalisti nella quantità, insomma un bel ritrovo in una zona tranquilla della città, fuori dal caos del centro di Milano. Da tornarci il prima possibile, anche perchè è rimasta la curiosità sul Beaujolais vintage…

Luca Gonzato