Vino a Mykonos

Per un appassionato di vini ogni viaggio diventa l’occasione per fare nuove scoperte. La meta raggiunta in questo ponte di fine aprile è tra le più conosciute e frequentate della Grecia, l’isola di Mykonos. Non c’è una ragione specifica ad averci guidato qui se non quella dell’offerta vantaggiosa. 

L’isola è davvero bella in questa stagione. La città vecchia di Mykonos è un piccolo gioiello splendente di bianco e blu. L’aria è però ancora fresca e l’acqua turchese del mare troppo fredda per poterci fare il bagno. I prezzi dei ristoranti sono piuttosto alti ma ci si può arrangiare con i Gyros Pita a buon prezzo o spostandosi nei ristoranti del centro dell’isola. Per quanto riguarda il vino ho fatto qualche assaggio al calice nei ristoranti, del bianco probabilmente più conosciuto, l’Assyrtico (originario dell’isola di Santorini), sia in purezza che in uvaggio con il Sauvignon Blanc. Forse non erano etichette di pregio ma non mi hanno colpito granché. Giusto per rispolverare i ricordi di tanti anni fa ho riprovato la Retzina, tipico vino da uve Savvatiano aromatizzato con la resina di pino di Aleppo. Curioso ma niente di più, a meno che vi piaccia tanto il gusto di pino.

On line ho trovato qualche riferimento per l’acquisto e così sono stato nel negozio Wine Room che si trova sopra la città vecchia di Mykonos. L’offerta è ampia e sbirciando tra le etichette, mi sono saltate all’occhio le bottiglie di Felluga e di Banfi, oltre alla vasta selezione di Champagne. Non aspettatevi un’enoteca dove vi coccolano in quanto è più un fornitore di ristoranti e bar. Mi sono comunque fatto consigliare tre bottiglie rappresentative di vini greci, una micro selezione che comprende un bianco, un rosé e un rosso. I costi sono stati simili ai nostri, tra i 10 e i 20 €. Nei ristoranti i prezzi sono ben i più alti e la qualità più bassa.

Il primo vino che voglio ricordare non è però tra quelli acquistati ma bensì uno trovato in camera, nell’hotel Madalena dove alloggiamo. È un vino bianco da uve tipiche del Peloponneso, il Moschofilero della regione Montinia e il Roditis il cui nome deriva da ‘radon’ (rosa). Infatti i profumi sono di petali di rosa, poi di agrumi, limone e citronella. La cantina che lo produce è Semèli, l’annata è la 2017 e il nome del vino è Feast. Bella la caratteristica della rosa che lo rende unico. Difficile paragonarlo ad altri, penso allo Chenin Blanc e a certi Sauvignon Blanc. Bel vino da aperitivo o per accompagnare stuzzichini di pesce o sushi.

Il secondo vino arriva da Amyndeon, nel nord della Grecia, appena sotto la Macedonia. È il Malagouzia Single Vineyard ”Turtles’’ 2018 di Alpha Estate. L’uva è 100% Malagouzia. Cristallino alla vista, di un giallo verdolino tenue, emana profumi floreali di rosa e di frutta fresca come il melone, la pesca bianca e il limone. Ha una leggera speziatura che lo rende accattivante, non saprei dire cosa sia ma guardando sul sito scopro essere il rosmarino. Bello, interessante, soprattutto nel finale fresco e persistente. 13% il volume alcolico, lo abbinerei ad una tipico pesce di questo mare, il ‘seabus’ che poi sarebbe un tipo di branzino. Bel vino bianco, sopra i 90 punti in varie guide.

Terzo vino, il rosato Petaloudes 2018 del Domaine Harlaftis. Sempre dal Peloponneso, di Nemea. Le uve sono di Shiraz al 100%. Profumi sottili di fiori passiti, fragoline di bosco, pepe bianco. Bel rosato dall’ingresso fresco che via via si ammorbidisce in bocca per poi chiudere lasciando una bella persistenza aromatica. Molto piacevole, finisci un calice e ne riempi un’altro. Il paragone va ai rosati pugliesi e non ha niente da invidiare. La cosa particolare è che la gradazione è piuttosto alta, del 13,5%, ma non si sente per niente. Per assonanza cromatica e per l’acidità che ‘sciacqua’ la bocca, lo abbinerei ai crostacei o a un risotto ai formaggi oppure a carni bianche particolarmente complesse nella preparazione.

Il quarto ed ultimo vino di questo post è un rosso, il Palivou Estate, Nemea 2016. Il vitigno è 100% Agiorgitiko (Saint George). Affinato 12 mesi in botti francesi per il 30% nuove, 30% di secondo uso e 30% di terzo uso, seguono poi almeno 6 mesi in bottiglia. Le uve provengono da una PDO, cioè Designazione di origine protetta, la zona antica di Nemea, Corinto. Rosso rubino dai profumi intensi di frutti rossi e neri, mirtilli, ribes, note balsamiche e di macchia mediterranea. Tannico ed elegante, anche in questo caso sono soddisfatto dell’acquisto. Guardando nel sito del produttore questo vino ha ricevuto premi internazionali in varie annate. Lungo e persistente, chiude con un frutto  rosso carnoso, di ciliegia matura. Le note di legno sono ai margini, a dare balsamicità al frutto. Grande rosso da provare e tenere in cantina insieme ai migliori. Il volume alcolico è del 14,5%. Mi ricorda il Primitivo di Manduria ma il paragone non ha molto senso. Ha un carattere unico, è un rosso memorabile.

In conclusione, i vini greci assaggiati sono stati molto soddisfacenti. Se avete in programma una vacanza in queste isole non perdete l’occasione di scoprirli.

Luca Gonzato

Share

Pubblicato da

dipendechevino

Ho ancora molta sete di vino, sono solo all'inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *