Piacere Barbaresco 2018

Manifestazione alla 12^ edizione che vede nel banco d’assaggio, con oltre 100 cantine, il suo punto di forza. In degustazione c’era prevalentemente l’ultima annata commercializzata, la 2015. Un’annata che a giudicare dagli assaggi definirei eccellente. Domina un frutto ‘ricco’, gran corpo e potenza. Erano presenti anche diversi 2014 dove il corpo era meno possente e a prevalere era la finezza (annata più piovosa). 

Delle tante menzioni esposte mi sono appassionato ad un Cru in particolare, di Neive, il Gallina. Così unico e allo stesso tempo riconoscibile, per profumi e struttura, negli ottimi Barbaresco di Castello di Neive e di Prinsi. Frutti rossi ma anche note speziate e terrose, robusti e di lunga persistenza. Molto belli già così ma con un grande margine di miglioramento nei prossimi anni.  

Della zona di Treiso ho apprezzato la menzione Vallegrande di Cá del Baio, gran bella produzione da questa cantina che con l’Asili di Barbaresco raggiunge l’eccellenza. Rimanendo in tema, sono stato folgorato dal Faset (menzione di Barbaresco) di Michele Chiarlo, semplicemente maestoso ed unico. Poi il Basarin (Neive) riserva 2013 di Punset, pieno, rotondo, equilibrato con bel frutto finale. Che dire poi delle Tenute Marchesi di Gresy con il Martinenga 2015 e il Gaiun 2014, memorabili. Cito poi Fletcher, (australiano) con il suo Barbaresco tradizionale e Pelissero con il Nubiola 2015 bello e ‘forzuto’.

Devo dire che in piu di 20 assaggi solo due Barbareschi non mi sono piaciuti, ed erano entrambi della stessa cantina che per rispetto non cito. A tutti vanno i miei complimenti. Mi dispiace che a questi eventi, che danno luce a Barbaresco, non partecipino tutti i produttori. Avrei voluto vedere la presenza di Gaja e poter assaggiare anche solo una goccia del loro super Barbaresco per poter capire perchè è così rinomato e costoso (450€). Di certo non posso permettermi l’acquisto e conto proprio su questi eventi per poter assaggiare vini altrimenti irraggiungibili. Uscendo poi dal palazzo comunale dove si è svolta la manifestazione, sono passato davanti al cancello di Gaja, sbarrato, peccato mi sarei accontentato di un’occhiata alla Cantina e di due parole…

Questa manifestazione mi piace molto, partecipando di sabato non l’ho trovata affollata e con calma, senza spintoni, ho potuto assaggiare tutti i Barbaresco che volevo anche se non tutti i 107 presenti. Molto apprezzato anche il libercolo consegnatomi all’ingresso insieme al prezziario dei vini esposti, mi ha semplificato la scelta finale d’acquisto e dato la possibilità di prendere qualche appunto. Un salto all’enoteca regionale posta all’interno di una ex chiesa (perfetta location per tutti gli appassionati di Nebbiolo che si avvicinano ad ogni calice con grande devozione), dalla quale sono uscito con un cartone da sei bottiglie che ho infilato perfettamente in una delle borse laterali della mia Yamaha Teneré 660, poi via, felice, a velocità ridotta, ammirando gli ultimi grappoli di Nebbiolo non ancora raccolti. 

È stato un piacere.

Luca Gonzato

Share

Pubblicato da

dipendechevino

Ho ancora molta sete di vino, sono solo all'inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *